.
Annunci online

  ilsignoredeglianelli [ Israele. Un nome, una terra, un popolo, una fede, una Legge, una lingua, una civiltà, uno Stato. Un simbolo tra le nazioni. ]
         


10 agosto 2005

Hamas afferma che non disturberà il ritiro da Gaza, ma ribadisce la volontà di distruggere Israele e il rifiuto di consegnare le armi

L'Unità del 2005-08-10, Umberto de Giovannangeli firma un articolo dal titolo «Hamas: non spareremo sui coloni»

La perquisizione a cui siamo sottoposti è minuziosa, confiscato il cellulare, smontato e rimontato il registratore. Ci viene chiesto di non descrivere il luogo in cui avviene l'intervista. «Il ritiro da Gaza - sottolinea subito al-Zahar - non è solo una vittoria di Hamas ma di tutti i gruppi che hanno portato avanti la lotta di resistenza all'occupazione sionista. Senza la resistenza armata Israele non si sarebbe mai sognato di ritirarsi. Ciò che sta avvenendo a Gaza a un solo precedente: il ritiro israeliano dal Sud Libano, anch'esso determinato dalla lotta di resistenza del popolo libanese e della sua avanguardia (Hezbollah, ndr).
La tensione è palpabile. Le due guardie del corpo di al-Zahar accarezzano nervosamente il grilletto dei loro kalashnikov e sobbalzano ad ogni minimo rumore. Uno è di guardia alla finestra: la morte può venire dal cielo, portata con i razzi aria terra dai Apache, gli elicotteri da combattimento israeliani. Il primo ministro Ariel Sharon ha rilanciato un monito ai palestinesi, all'Anp, ai gruppi dell'Intifada: Israele è pronto a scatenare una reazione devastante se il ritiro dei soldati e dei coloni sarà accompagnato da azioni terroristiche da parte palestinese: «Le minacce di Sharon non ci fanno paura -ribatte al-Zahar-. La nostra linea è chiara: non saremo noi i primi a ricorrere alla violenza, non spareremo sui nemici in rotta. Per noi il ritiro dei soldati israeliani e dei coloni è già di per sé una vittoria, militare e politica. Non saremo i primi ad attaccare, ma siamo preparati a reagire adeguatamente ad ogni provocazione».
Negli ultimi giorni si sono intensificati i contatti tra l'Anp e Hamas per definire una gestione concordata del dopo-ritiro. «Siamo pronti ad assumerci le nostre responsabilità - afferma al Zahar - ma siamo chiaro che non accetteremo alcuna imposizione al disarmo. Non rivolgeremo le nostre armi contro altri palestinesi ma nessuno potrà mai costringerci alla resa di fronte al nemico del popolo palestinese. La resistenza continuerà sino alla liberazione dell'intera Palestina».
Il ritiro di Israele da Gaza è una resa di Sharon da Hamas, come denunciano quanti in Israele sono contrari al piano-Sharon?
«Sì è una vittoria, non solo di Hamas ma dell'intero fronte di resistenza all'occupazione sionista. Senza questa resistenza, senza i nostri shahid (martiri, ndr.) Israele non si sarebbe sognato di ritirarsi».
Hamas attaccherà i soldati israeliani nei giorni del ritiro?
«Non è nei nostri propositi: no, non attaccheremo, ma siamo pronti a rispondere ad ogni provocazione. La mobilitazione generale è scattata».
Lei parla di difesa. Ma cosa c'è di difensivo nelle decine di razzi Qassam sparati da Hamas contro Sderot e le colonie israeliane?
«Mi ascolti bene: può piacere o no a voi europei, ma la storia dimostra che i missili fanno gli interessi dei palestinesi. Sono i missili ad aver obbligato Israele a ritirarsi dalla Striscia di Gaza e sono loro che in futuro porranno fine all'occupazione. La lotta armata, non il negoziato, ha portato al ritiro da Gaza».
Israele teme che dopo il ritiro di Tzahal, la Striscia di Gaza si trasformi in Hamasland.
«Hamas è già oggi il movimento più radicato nella Striscia di Gaza, presente in ogni ambito della vita sociale e politica. Non abbiamo bisogno di legittimazioni esterne; la nostra forza viene dal popolo».
Siete pronti a un negoziato con Israele?
«Con chi ha usurpato la tua terra, umiliato e ucciso la tua gente? No, in queste condizioni parlare di negoziato non ha senso. La nostra causa nazionale non riguarda solo Gaza, la Cisgiordania o Gerusalemme. La nostra causa è la Palestina, nella sua interezza».
Il ritiro da Gaza apre la questione della gestione dei territori evacuati. Qual è in proposito la posizione di Hamas?
«Per costringere Israele al ritiro abbiamo sparso la nostra parte di sangue. Ora vogliamo prendere parte alle decisioni».
È una sfida all'Autorità nazionale palestinese di Abu Mazen?
«No, è la legittima rivendicazione di un ruolo che neanche Mahmud Abbas (Abu Mazen, ndr) può negare».
Dai vertici dell'Anp giungono in questi giorni vibrati appelli all'unità. Qual è la risposta di Hamas?
«L'unità a cui noi aspiriamo, quella per cui ci battiamo, deve essere fondata sul diritto del popolo palestinese a resistere all'occupazione».
Cinquantamila agenti dell'Anp sono pronti a garantire ordine e sicurezza dopo il ritiro israeliano. E' un monito ad Hamas?
«Non credo proprio. Quegli agenti, come peraltro i nostri miliziani, vigileranno contro le provocazioni israeliane».
Oggi (ieri, ndr) Abu Mazen ha annunciato nel corso di una riunione del parlamento palestinese svoltasi a Gaza, che le elezioni legislative si terranno nel gennaio 2006. Hamas vi parteciperà?
«Siamo parte della nazione palestinese, vogliamo esserlo anche delle sue istituzioni rappresentative. Sì, parteciperemo alle elezioni legislative e questa scelta non è in contrasto con la determinazione a proseguire la resistenza all'occupazione».
E se come condizione per partecipare alle elezioni vi sarà chiesto il disarmo delle milizie?
«Non esiste. Deporremo le armi quando non vi sarà più un soldato israeliano a calpestare la sacra Terra di Palestina».
Nell'orizzonte di Hamas c'è una convivenza possibile con Israele?
«A certe condizioni, possiamo trattare una tregua, anche lunga. Ma in prospettiva non c'è possibilità di coesistenza tra due Stati in Palestina. O noi o Israele».
Il tempo dell'intervista è finito. Un giovane armato di kalashnikov ci fa segno di attendere qualche minuto prima di uscire. Le ombre della sera calano su Gaza. Nelle strade c'è fermento, animazione. L'atmosfera è elettrica. Centinaia di ragazzini preparano bandiere e striscioni per il «giorno della liberazione» della Striscia. Quel giorno, ci dice Mahmud al-Zahar al momento dei saluti, «le bandiere di Hamas sventoleranno sugli edifici abbandonati dagli israeliani, in attesa di sventolare su Al-Quds (Gerusalemme)».




permalink | inviato da il 10/8/2005 alle 17:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (28) | Versione per la stampa


sfoglia     luglio        settembre
 


Ultime cose
Il mio profilo



liberaliperisraele
deborah fait
ideazione
il foglio
ac milan
il riformista
Daniel Pipes
ebraismoedintorni
telaviv traffic on line
webcam sul Kotel
informazione corretta
Hatikva National Anthem of Israel
cosa è nato prima? il terrorismo palestinese o l'occupazione israeliana?
Un cuore per Israele
shalom
Leslie
Tocqueville
checidevifare(ilnonno)
offensivaliberale
I love America
Sicilia Radicale
John Christian Falkemberg
Silverlinx
gabbiano
periclitor
IpensieridelCuore
Fiamma Nirenstein
agiamo
zamparzigogola
Piero P.
Pensieroconservatore
Pensieroliberale
sigal harari
Lev Yehudi
L'icaro delle Idee


Blog letto 1007001 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom